La trattativa, a Venezia il nuovo film di Sabina Guzzanti

203643-thumb-full-la_trattativa_web_youtube_hd_108Accolta da tanta curiosità, e da qualche polemica, è sbarcata alla Mostra del Cinema di Venezia la nuova opera di Sabina Guzzanti, “La trattativa”. Dove, naturalmente, per “trattativa” si intende quella tra alcuni pezzi dello Stato e Cosa Nostra.

Di qui un film a metà tra il documentario e la ricostruzione, con una data fondamentale: il 30 gennaio 1993, giorno in cui la Corte di Cassazione conferma il “fine pena mai” per i capi di Cosa Nostra. Una data che fornisce il via libera a una stagione di terrore di cui faranno le spese – tra gli altri – Salvo Lima, Giuliano Guazzelli, Paolo Borsellino e tanti (troppi) altri.

Il film – con quattro anni di lavorazione – non ha ottenuto alcun finanziamento da parte del Ministero (pur richiesto). Un ulteriore tassello in un filone polemico che da tempo accompagna il film, e che sembra essere ben lungi dall’esaurirsi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *