The Big Bang Theory 11×23, la recensione

Come ogni martedì, in questo nostro piccolo spazio virtuale, torniamo ad occuparci della rubrica dedicata alle chiacchieratissime serie televisive. E, in particolar modo, a quella di The Big Bang Theory, tra le più famose e le più amate al mondo. La celebre sit-com è oramai giunta alle battute conclusive dell’undicesima stagione. Il ventitreesimo episodio, dal titolo The Sibling Realignment, è andato in scena negli Stati Uniti qualche giorno fa, e noi l’abbiamo vista in anteprima. Che cosa è successo, dunque?

The Big Bang TheoryCome ampiamente prevedibile, la penultima puntata dell’undicesima stagione di The Big Bang Theory, a pochi giorni dal climax finale, è piuttosto transitoria e non offre molti spunti allo spettatore. Effettivamente, l’intero episodio è diviso in due principali tronconi, ove però si fatica per trovare un epicentro di interesse vero e proprio. Da un lato, Sheldon cerca di risolvere alcune sopite dispute familiari con il fratello, accompagnato da un Leonard mai parso così superfluo.

Dall’altra parte, un problema di salute contagia il resto del gruppo, proprio a pochi giorni di distanza da quello che sarà il grande evento dell’undicesima stagione: il matrimonio tra Sheldon ed Amy, oramai pronti a convolare a nozze. Il tutto, in realtà, senza grossi picchi: persino le gag sembrano piuttosto limitate e poco incisive rispetto al solito, rendendo l’intero canovaccio alquanto dimenticabile, compatibilmente con la piega che The Big Bang Theory ha già preso da ormai qualche anno.

L’appuntamento, pertanto, è fissato alla prossima settimana: allorché, con la ventiquattresima puntata, dal titolo The bow tie asymmetry, calerà il sipario anche su questa season. A quel punto, rimane da capire che cosa accadrà nel futuro, e quali altri spunti la sit-com potrà offrire per tornare ad essere appetibile nei confronti del pubblico. Problemi che però, appunto, si porranno solamente tra qualche mese. Nel frattempo, buona visione. E appuntamento al prossimo martedì!

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *