The Big Bang Theory 11×12, la recensione di OneCinema

Siamo dunque giunti al martedì, e, per l’occasione, ritorna la nostra solita rubrica con la famosa serie The Big Bang Theory, fra le più amate sit-com al mondo. Finalmente, in America, dopo un periodo di pausa coinciso anche con le vacanze natalizie, la serie è stata rimessa in onda, con il dodicesimo episodio dell’undicesima stagione, dal titolo The Matrimonial Metric. Ma come sono andate le cose, esattamente?

The Big Bang TheorySembra che le tre settimane di pausa non abbiano intaccato la prorompente ironia di The Big Bang Theory, che, anzi, per l’occasione è stata particolarmente brillante e intensa. Il tutto, infatti, si gioca su un unico filone, senza sottotrame di sorta, come generalmente avviene invece per ogni puntata della sit-com. In questo modo, lo sviluppo della storia avviene in maniera decisamente fluida, senza particolari momenti di stanca, e con una dedizione pressoché totale sul tema di fondo: il matrimonio tra Sheldon e Amy, e, nella fattispecie, l’ardua decisione di scegliere un testimone e una damigella d’onore.

Poiché ci son solo due posti per cinque persone, i due promessi decidono di affidare la scelta ad un metodo squisitamente scientifico, procedendo su un meccanismo basato a punteggi. Un fattore pienamente compatibile con la caratterizzazione dei due personaggi, mentre gli altri, decisamente, non prenderanno la cosa molto bene: e, in questo senso, l’episodio non offre altre letture, se non quella del divertimento e delle battute, che finiscono per sprecarsi.

Per l’occasione fanno ritorno anche Bernadette, la cui attrice, Melissa Rauch, è reduce da una gravidanza, oltre a Stuart, quest’ultimo, come sempre, in qualità di macchietta comica. Non rimane che attendere, a questo punto, il lieto avvenimento del matrimonio, per il quale, oramai, non dovrebbe più mancare molto tempo. Per il resto, non possiamo che darvi appuntamento al prossimo martedì, con la recensione della nuova puntata, che si chiamerà The Solo Oscillation.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *