Natale al cinema: ecco quali saranno i film più interessanti

Quando si avvicinano le festività natalizie, molte persone, generalmente, approfittano dei giorni di ferie e di vacanza per godersi qualche bel filmetto al cinema, magari in compagnia dei propri cari. Di solito, il genere prediletto è appunto quello familiare, tanto che molte case di produzione, proprio in vista dei giorni di Natale, sfornano di diverse pellicole a tema. Vediamo dunque di capire cosa potreste vedere al cinema, a dicembre.

Anzitutto, possiamo dire che sarà l’anno dei cinepanettoni. I famosi lungometraggi di stampo italiano, e caratterizzati da un umorismo demenziale, usciranno tutti nel mese di dicembre. Poveri ma ricchi vede come protagonista Christian De Sica, mentre il suo rivale, Massimo Boldi, prenderà parte in Natale al Sud. Un terzo cinepanettone è quello di Paolo Ruffini: Natale a Londra – Dio salvi la regina. Da tenere in considerazione anche Fuga da Reuma Park, ultima fatica partorita da Aldo, Giovanni e Giacomo.

natale-al-cinemaAltre commedie italiane piuttosto interessanti sono Non c’è più religione (con Claudio Bisio e Alessandro Gassman), e Mister Felicità, di Alessandro Siani: quest’ultimo esordirà solamente alla fine del mese, il 30 dicembre. Tra i lavori biografici, segnaliamo Sully, con Tom Hanks, e Florence, con una ispirata Meryl Streep.

Molti anche i prodotti di animazione. Il più atteso è chiaramente il disneyano Oceania, 56° Grande Classico del colosso statunitense, ma non mancano anche gli episodi inediti di cartoni di successo come Peppa Pig e Paw Patrol, che esordiranno presto nelle sale nostrane. Per gli amanti della fantascienza e del mistero, oltre a Rogue One: A Star Wars Story (ottavo capitolo della saga di Star Wars), segnaliamo anche Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali, prodotto da Tim Burton.

Chiudiamo con GGG – Il Grande Gigante Gentile, di Steven Spielberg: si tratta del secondo adattamento (dopo una prima versione animata di alcuni anni fa) del famoso libro per bambini Il GGG, di Roald Dahl.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *