Il live action de La sirenetta è già nella bufera

Prosegue la fortunata linea dei remake in chiave live action dei classici di animazione Disney, filone che anno dopo anno si sta arricchendo di opere dal successo più o meno grande. È ancora in proiezione al cinema Aladdin, reduce da un vero e proprio trionfo, mentre Il re leone arriverà giusto tra qualche mese. In linea di successione, uno dei prossimi sarà allora La sirenetta, che nel 1989, a suo modo, entrò nella storia: il film, liberamente ispirato all’omonima fiaba di Hans Christian Andersen, inaugurò il cosiddetto Rinascimento Disneyano, periodo storico che espresse alcune fra le migliori pellicole della storia dell’animazione.

La sirenettaProprio pochi giorni fa, Disney ha diramato la sua decisione circa l’interprete di Ariel, La sirenetta. Le aspettative erano enormi, e in gran parte sembrano essere state disilluse: la bella protagonista, che nel film del 1989 vantava un character design divenuto iconico (occhi azzurri, capelli rossi e carnagione chiara), adesso avrà il volto della giovane attrice e cantante di colore Halle Bailey, classe 2000.

Benché la stessa Disney abbia già dichiarato che il contesto della nuova Sirenetta sarà differente da quello di trent’anni fa, con un’ambientazione caraibica (e la decisione, in tal senso, sembra giustificata da questa nuova impostazione), una grossa fetta del web non sembra aver gradito. In molti, infatti, hanno puntato il dito contro il politically correct, ritenendo la soluzione fin troppo audace, e rammaricandosi di questa rottura della tradizione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *