Jumanji da paura, box office dominato!

La conclusione del weekend, che, oltretutto, segna anche la fine delle festività natalizie, ci ha regalato, per quanto concerne il settore cinematografico nel mercato statunitense, delle statistiche a dir poco clamorose. Star Wars – Gli ultimi Jedi, il grande film del momento, è stato incredibilmente sconfitto al botteghino da Jumanji, sequel/reboot della celebre pellicola del 1995.

JumanjiUn trionfo a dir poco inaspettato quello di Jumanji, capace, nel giro di poche settimane, di sovvertire ogni pronostico e di trovare anche i favori di una critica inizialmente titubante. The Rock e soci, infatti, sono riusciti a convincere a tal punto da realizzare degli incassi da capogiro, capaci di mantenere una certa costanza weekend dopo weekend, al punto da mettere in riga persino un vero e proprio campione del botteghino come Star Wars.

Non a caso, al suo terzo fine settimana nelle sale americane, Jumanji mantiene una tenuta eccezionale, portando a casa altri 36 milioni di dollari: per un totale che, a livello worldwide, ha già superato i 400 milioni, una cifra capace non soltanto di quadruplicare il budget per i costi di produzione (pari a circa 90 milioni), ma anche di superare qualsiasi aspettativa inizialmente prevista.

Il successo di Jumanji, così, mette parzialmente in ombra quello che sarebbe dovuto essere il film del momento, Star Wars – Gli ultimi Jedi: il quale, tuttavia, weekend dopo weekend sta subendo delle perdite clamorose, tanto da scivolare addirittura al terzo posto, con “appena” 23,5 milioni di dollari, nel fine settimana appena trascorso. Tuttavia, gli incassi rimangono ancora molto positivi, e a livello mondiale la pellicola ha già fatto registrare 1,2 miliardi di dollari.

Al secondo posto troviamo invece un film al suo debutto, Insidious – The last key, che porta a casa 29,3 milioni di dollari e che, con quasi 50 milioni messi a segno insieme agli incassi esteri, ha già quintuplicato il budget dedicato ai costi di produzione, pari a 10 milioni.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *