Dragon Trainer 3 tiene bene e rivince il box office

La domenica sera, come sempre avviene su questo nostro piccolo spazio virtuale, è un’occasione ideale per prendere in analisi le varie stime circa gli incassi fatti registrare dai film attualmente in proiezione negli Stati Uniti d’America. Un periodo certamente molto interessante, quello che segue l’assegnazione dei premi Oscar. E con un vincitore in particolare, che, uscito soltanto nello scorso weekend, si candida da subito come uno dei favoriti per la corsa della miglior pellicola di animazione del 2020: si tratta di Dragon Trainer 3, capitolo che va dunque a concludere una delle trilogie di maggior successo della DreamWorks.

Dragon Trainer Mondo nascostoLa tenuta di Dragon Trainer 3 non è stata forse eccezionale, ma i numeri messi insieme gli permettono di piazzarsi ancora una volta in vetta: con un parziale di poco superiore ai 30 milioni di dollari, è il film che ha totalizzato più incassi nel fine settimana oramai prossimo a concludersi. A livello worldwide, Dragon Trainer 3 chiaramente migliora in modo sensibile queste cifre, lasciando ben sperare circa gli incassi che ci saranno a fine corsa: per il momento, grazie anche ai mercati esteri, siamo a poco più di 375 milioni di dollari.

Con la medaglia d’argento, troviamo invece A Madea family funeral, il cui esordio è senz’altro positivo: una prima da 27 milioni di dollari, davvero niente male per questa nuova commedia. Dalla terza posizione in giù, troviamo invece un netto calo negli incassi, con la pellicola di Alita che riesce comunque a completare il podio: in questo caso il parziale è di circa 7 milioni di dollari, mentre a livello worldwide i numeri superano i 350 milioni di dollari: possiamo dunque parlare di un buon successo, visti i 170 milioni stanziati per il budget. Quarto il deludente The LEGO Movie 2, mentre al quinto posto, prevedibilmente, troviamo il boom di Green Book, fresco dell’Oscar al miglior film: globalmente è vicino ai 190 milioni di dollari, a fronte di un budget di appena 23 milioni.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *