Come ti ammazzo il bodyguard vince un magro Box Office

Sono stati resi noti anche i dati del botteghino di questo weekend negli Stati Uniti d’America: un bottino estremamente esiguo, complice anche un periodo, quello di fine agosto, che storicamente non regala degli incassi cinematografici particolarmente elevati. E così, per il secondo fine settimana consecutivo, a vincere è Come ti ammazzo il bodyguard, al secolo The hitman’s bodyguard. La pellicola, che vanta un cast d’eccezione con i vari Samuel L. Jackson, Ryan Raynolds, Gary Oldman e Salma Hayek, ha subito una vera e propria ondata di recensioni negative, e in questo senso anche gli incassi, finora, sono stati scarsi rispetto alle aspettative iniziali.

Come ti ammazzo il bodyguardAd ogni modo, Come ti ammazzo il bodyguard racimola altri 10,5 milioni di dollari in America, una cifra comunque sufficiente per la conquista del gradino più alto del podio. La piazza d’onore viene invece occupata da Annabelle: Creation, che al terzo weekend di programmazione vanta un’ottima tenuta (e porta a casa altri 7,3 milioni) e, soprattutto, degli incassi strabilianti al netto del budget di produzione. Costato appena 15 milioni di dollari, il film, a livello worldwide, ne ha già portati a casa 216, rivelandosi un vero e proprio fenomeno del botteghino. Una cifra che, peraltro, verrà ulteriormente migliorata nelle prossime settimane.

Al terzo posto troviamo una new entry: il film d’animazione franco-canadese Ballerina, non particolarmente gradito negli USA a quanto pare, ove incassa appena 5 milioni di dollari. Meglio invece nel resto del mondo, ove in totale aveva portato a casa quasi 60 milioni di dollari a partire dalla sua prima uscita, in Francia e in Canada, nello scorso mese di dicembre.

E così, al di là di Come ti ammazzo il bodyguard, continuano a battere cassa i vari fenomeni del momento. Dunkirk incassa altri 4 milioni, portando il totale worldwide a 412 milioni. Meglio ancora va a Spider-Man: Homecoming e soprattutto a Wonder Woman, quest’ultimo capace di sfondare il muro degli 800 milioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *