Box Office: vince The Dark Tower, Dunkirk eroico

Sono stati resi noti i dati relativi agli incassi cinematografici dello scorso weekend negli Stati Uniti. Com’era prevedibile, considerando il periodo estivo di inizio agosto, non abbiamo avuto dei numeri particolarmente abbondanti, tanto che anche la sfida al vertice per le primissime posizioni è stata piuttosto risicata. A spuntarla, allora, è stata una new entry: The Dark Tower, infatti, ha conquistato la vetta della classifica dei film che hanno registrato gli incassi maggiori nel fine settimana, con 19,5 milioni di dollari portati a casa. La piazza d’onore, invece, se la guadagna Dunkirk: la pellicola a tema bellico, pur essendo al terzo weekend di programmazione, perde pochissimo rispetto alla scorsa settimana (appena il 33,9% in meno), incassando ancora 17,6 milioni di dollari. Il totale a livello internazionale di Dunkirk arriva invece a quasi 307 milioni di dollari, niente male considerando che il budget di produzione è stato invece di 100 milioni.

DunkirkProsegue, invece, il tracollo di The Emoji Movie. Il film sulle emoticon, massacrato dalla critica, al secondo weekend nelle sale incassa la metà rispetto alla scorsa settimana, con un misero bottino di 12,35 milioni di dollari. A livello internazionale, la pellicola animata è arrivata a poco più di 49 milioni di dollari, una cifra comunque inferiore rispetto ai 50 milioni del budget, e che rappresenta un’ulteriore sconfitta nei confronti di Dunkirk.

Rimane invece fuori dal podio Girls Trip, vera e propria rivelazione del periodo. Al terzo weekend di programmazione porta ancora a casa 11,5 milioni di dollari, confermando un’ottima tenuta (perde “solo” il 41,9% rispetto allo scorso fine settimana) e giungendo a 91 milioni di dollari totali di incasso a fronte dei 19 milioni di produzione.

Al quinto posto un altro esordiente, Kidnap, che fa registrare 10,2 milioni di dollari. In sesta posizione chiudiamo invece con Spider-Man: Homecoming, che al quinto weekend nelle sale incassa un discreto bottino di 9 milioni di dollari.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *