Box Office, debutto così così per Christopher Robin

Non è stato esattamente straordinario il primo weekend cinematografico di una delle pellicole Disney più interessanti di questi ultimi mesi. Il film su Christopher Robin, che in Italia ha assunto il nome di Ritorno al Bosco dei 100 acri, è finalmente uscito nei giorni scorsi negli Stati Uniti d’America. Andiamo dunque a vedere come sono andate le cose, e più in generale proviamo ad analizzare questo fine settimana, per la verità non troppo prolifico (come generalmente avviene nel caldissimo mese di agosto) per quanto concerne l’universo cinematografico.

Christopher RobinAnzitutto, al primo posto dei film più visti sul nuovo continente, si conferma nuovamente il sesto capitolo della celebre saga di Mission Impossible. Parliamo di un secondo weekend da 35 milioni di dollari, e quindi una stima non propriamente entusiasmante. Si tratta di cifre, tuttavia, sicuramente interessanti, soprattutto se si va a guardare all’ammontare totale: quasi 330 milioni di dollari a livello worldwide, e dunque i costi di produzione sono stati ampiamente ricoperti e quasi raddoppiati.

Al secondo posto, come detto poc’anzi, ecco che si introduce la pellicola su Christopher Robin, Ritorno al Bosco dei 100 acri. Un primo fine settimana, per Winnie Pooh e soci, da poco più di 25 milioni di dollari. Si auspica, tuttavia, che la situazione possa migliorare sul lungo periodo, soprattutto in considerazione del fatto che il film di Christopher Robin deve ancora debuttare presso numerosi mercati: non ultimo quello italiano, con la data buona fissata per il 30 agosto.

Medaglia di bronzo per Il tuo ex non muore mai, commedia che però, al netto di un budget di produzione importante (circa 40 milioni di dollari), è protagonista di una prima da appena 12,3 milioni. Per il resto, da segnalare il fatto che Gli Incredibili 2, finalmente, ha superato il tanto atteso traguardo: i supereroi animati della Pixar, pur con ancora molti mercati mancanti all’appello, ha sfondato il muro del miliardo di dollari, e al momento è a quota 1 miliardo e 47 milioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *