Box Office: Black Panther, altro weekend da urlo

Come sempre avviene in questo nostro piccolo spazio virtuale, anche in questa domenica sera torniamo ad occuparci dei dati relativi agli incassi cinematografici nelle sale americane, per quelle che, chiaramente, sono le prime proiezioni in merito. E così, com’era facile presumere, anche questo weekend, per la terza volta consecutiva, viene dominato da quello che è il grande film del momento: quello di Black Panther, pellicola che vede come protagonista uno dei celebri supereroi di casa Marvel.

Black PantherBlack Panther, al suo terzo fine settimana di proiezione negli Stati Uniti, registra ancora una volta un incasso a dir poco spaventoso, pari a ben 65,7 milioni di dollari. Numeri da capogiro, che fanno salire in maniera vertiginosa anche quelli a livello worldwide, al momento quasi giunti a quota 900 milioni. Il muro del miliardo di dollari verrà presto raggiunto e superato, e a quel punto sarà interessante provare a capire dove potrebbe fermarsi la corsa di Black Panther, che ha ancora parecchia benzina.

Il podio, invece, viene completato da due new entry: Red Sparrow, molto chiacchierato anche in Italia, conquista la piazza d’onore, con 17 milioni di dollari al debutto, mentre a livello worldwide si sale a 43 milioni. Medaglia di bronzo per Il giustiziere della notte: 13 milioni di dollari per il primo weekend, cifra ancora lontana rispetto al budget di produzione.

Per quanto riguarda le altre pellicole in proiezione nelle sale, molto interessante la tenuta di Peter Rabbit, che con altri 10 milioni di dollari porta il totale worldwide a quasi 102 milioni, andando quindi a raddoppiare le spese necessarie per la proiezione del film. Jumanji – Benvenuti nella giungla, al suo undicesimo fine settimana, raggranella altri 4,5 milioni, giungendo, insieme agli incassi esteri, a quasi 930 milioni nell’intero arco della sua proiezione. Prosegue il tracollo casalingo di Cinquanta sfumature di Rosso, ma i numeri al di fuori dagli Stati Uniti rimangono ancora molto forti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *