Animali fantastici – I crimini di Grindelwald, buona la prima

Siamo oramai alle fasi conclusive anche di questo weekend, che, peraltro, segna anche il giro di boa del mese di novembre. Un periodo che, come abbiamo avuto modo di vedere, per quel che concerne il settore cinematografico, si sta rivelando particolarmente interessante: sono i giorni, infatti, in cui stanno cominciando a giungere presso le sale numerose pellicole molto attese, come Animali fantastici – I crimini di Grindelwald. Il secondo capitolo di questo brand, che va a reinserirsi nella mastodontica saga di Harry Potter come un prequel, ha debuttato proprio in questo fine settimana. Ma con quali risultati?

Animali Fantastici e dove trovarliAnimali fantastici – I crimini di Grindelwald, com’era lecito attendersi, è stato il film più visto presso le sale americane. Parliamo di un esordio da 62,2 milioni di dollari, che permette alla pellicola di conquistare la medaglia d’oro di questo weekend. Tuttavia, forse ci si aspettava qualcosa di più da un prodotto proveniente da un brand come quello di Harry Potter, una vera e propria macchina da soldi: non a caso il capitolo precedente, Animali fantastici e come trovarli, nel 2016 aveva realizzato un debutto più ampio, superiore ai 70 milioni di dollari. È il mercato estero, ad ogni modo, che spinge Animali fantastici – I crimini di Grindelwald oltre i limiti: a livello worldwide, infatti, abbiamo già superato i 253 milioni di dollari.

La medaglia d’argento va invece al film d’animazione de Il Grinch, che, nonostante manchi ancora un mese abbondante alle festività natalizie, in America sta andando piuttosto bene. Secondo fine settimana da 38 milioni di dollari, un andazzo più che discreto. Il mercato estero è invece ancora molto contenuto, ma esploderà nel mese di dicembre, ossia quando il film uscirà anche in tanti altri paesi, come l’ Italia. Non male comunque il worldwide, che ha superato i 150 milioni di dollari. Terzo Bohemian Rhapsody: altri 15,7 milioni al terzo fine settimana, e totale a 385 milioni di dollari.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *